Bitcoin fluttuante dopo che i regolatori cinesi hanno punito una società

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2021

Il valore del Bitcoin ha fluttuato martedì dopo che la banca nazionale cinese e un controllore della capitale hanno fatto una mossa contro un’organizzazione che si supponeva desse servizi legati alle criptovalute.

La ragione dietro il giro di vite della Cina sulle criptovalute

La Cina ultimamente ha aumentato la determinazione a controllare l’industria del denaro digitale del paese, proibendo le attività di mining di cripto e chiedendo alle banche significative di non lavorare con le organizzazioni di cripto. La mossa più recente è arrivata martedì, quando l’autorità pubblica ha agito contro un’organizzazione che si presumeva desse amministrazioni legate alla valuta digitale. Gli specialisti hanno abbandonato l’iscrizione dell’organizzazione, e tutte le fondazioni monetarie e rateali sono avvertite di non dare amministrazioni legate al denaro virtuale direttamente o in modo indiretto.

Bitcoin-Fluctuating

Nonostante la garanzia di Bitcoin di essere denaro crittografico decentralizzato basato ovunque e in nessun luogo, circa il 65% del mining di Bitcoin nel mondo avviene in Cina. Questo perché un piccolo gruppo di sorprendenti centri minerari cinesi ha accettato la più grande moneta digitale del mondo contendendo a diversi scavatori di affrontare gli enigmi computazionali che fanno più bitcoin. Gli scavatori cinesi hanno contribuito ad aumentare il valore di Bitcoin di oltre il 1.000 per cento in un anno fino ad un massimo intatto di quasi 65.000 dollari in aprile. Dopo che gli scavatori cinesi hanno iniziato a chiudere le loro macchine, il valore è crollato, finendo la porzione primaria dell’anno, giù praticamente la metà dal suo record.

Effetto sul mercato del Bitcoin

Il più grande denaro digitale era salito fino al 3,7% a 35.094 dollari prima di ricadere dopo che la Banca Popolare Cinese e il direttore finanziario di Pechino hanno richiesto ad un’organizzazione della città di abbandonare il suo arruolamento commerciale. Alle 7:55 a New York, stava scambiando l’1% in più a 34.194 dollari. I servizi legati al denaro digitale non dovrebbero essere offerti da istituzioni finanziarie e di pagamento, né direttamente né indirettamente.

Pur non influenzando direttamente le criptovalute, il giro di vite della Cina sulle imprese tecnologiche è un’altra illustrazione dell’utilizzo dei suoi muscoli amministrativi contro un settore la cui supervisione è mancata, ha detto Antoni Trenchev, cofondatore della banca cripto Nexo a Londra. Bitcoin è anche intrappolato nel fuoco incrociato amministrativo della Cina in quanto è tutt’altro che un pericolo per lo yuan digitale.

La Cina ha ampliato la sua attenzione sull’industria del denaro crittografico, comprese le limitazioni sul mining, lo scambio e le diverse amministrazioni, così come dare avvisi a sostanze come le banche che possono lavorare con tali scambi. Numerosi scavatori hanno chiuso o stanno tentando di spostarsi fuori dalla nazione, e le misurazioni minerarie hanno mostrato la diminuzione dell’azione.

La mossa è arrivata dopo che alcuni analisti grafici avevano scrutato verso i 50 giorni di movimento normale sopra i 36.000 dollari come una zona probabile per vedere un breakout rialzista. Sia come sia, Bitcoin è stato bloccato nella gamma di circa 30.000-40.000 dollari per un bel po’ di tempo dopo essere sceso dalla sua chiusura record di 65.000 dollari a metà aprile.

Bitcoin si è mosso lateralmente da qualche parte nella gamma di $30.000 e $40.000 per l’aspetto più sorprendente di sette settimane ora; Trenchev ha detto che anticipa che Bitcoin dovrebbe rimanere bloccato in questo modello per il futuro prevedibile, prima di schiacciare più in alto ancora una volta.

Author
  • Luke Handt

    Luke Handt is a seasoned cryptocurrency investor and advisor with over 7 years of experience in the blockchain and digital asset space. His passion for crypto began while studying computer science and economics at Stanford University in the early 2010s.

    Since 2016, Luke has been an active cryptocurrency trader, strategically investing in major coins as well as up-and-coming altcoins. He is knowledgeable about advanced crypto trading strategies, market analysis, and the nuances of blockchain protocols.

    In addition to managing his own crypto portfolio, Luke shares his expertise with others as a crypto writer and analyst for leading finance publications. He enjoys educating retail traders about digital assets and is a sought-after voice at fintech conferences worldwide.

    When he's not glued to price charts or researching promising new projects, Luke enjoys surfing, travel, and fine wine. He currently resides in Newport Beach, California where he continues to follow crypto markets closely and connect with other industry leaders.

error: Alert: Content is protected !!