I minatori di Bitcoin in Texas chiudono il loro “lavoro” e vengono pagati per questo

Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2022

Lo stato americano del Texas sta soffrendo un caldo enorme. Attualmente si stanno battendo i record dell’ultimo secolo. Questo ha un impatto anche sui minatori di bitcoin della regione.

Problemi di alimentazione

L’11 luglio l’operatore di rete dello Stato ha avvertito che “probabilmente” ci sarebbero state interruzioni di corrente. Ha chiesto ai consumatori e alle industrie di ridurre il consumo di energia.

Dall’anno scorso, l’estrazione di bitcoin è molto popolare nello Stato. Dopo l’esodo delle società minerarie dalla Cina, lo Stato americano si è rivelato un’oasi per questi centri dati: l’elettricità a basso costo e il clima commerciale (politico) favorevole hanno attirato numerose società minerarie.

Lee Bratcher, responsabile della Texas Blockchain Association, afferma che “quasi tutti i minatori industriali di bitcoin” in Texas hanno chiuso le loro strutture l’11 luglio.

Di conseguenza, 1.000 megawatt di energia sono stati liberati per la ridistribuzione in rete. Secondo Bratcher, ciò equivale all’1% della capacità totale della rete in Texas. Altri grafici mostrano che sarebbe addirittura superiore all’1%.

Declino flessibile

Durante le crisi precedenti, come la tempesta invernale di febbraio, i minatori di bitcoin hanno fatto lo stesso. Poiché i minatori consumavano meno elettricità, ne rimaneva di più per i servizi essenziali come il riscaldamento o, in questo caso, i sistemi di raffreddamento.

Questa volta, però, c’è qualcos’altro in gioco oltre all’altruismo. L’operatore di rete Electric Reliability Council of Texas (ERCOT) stipula accordi di “risposta alla domanda” con le aziende.

I minatori di Bitcoin vengono pagati se riducono il loro utilizzo nei periodi di picco della domanda. Questi accordi sono pensati per alleggerire la pressione quando la quantità di energia prelevata è superiore al rendimento. Ad esempio, ultimamente in Texas non c’è vento, mentre parte dell’elettricità è generata da turbine eoliche.

Le società di estrazione di Bitcoin sono ottime controparti per l’ERCOT in queste situazioni: si tratta di un carico relativamente flessibile.

Voltus, un’azienda che fornisce servizi di gestione dell’energia, stima che un minatore possa guadagnare fino al 10% del suo reddito annuale offrendo servizi di spegnimento alla rete. Con il forte calo del valore del bitcoin, anche i margini di profitto si sono ridotti notevolmente, rendendo questa alternativa a pagamento improvvisamente non così negativa.

Author
  • Gabriele Spapperi

    Gabriele Spapperi is a veteran cryptocurrency investor and blockchain technology specialist. He became fascinated with Bitcoin and distributed ledgers while studying computer science at MIT in 2011.

    Since 2013, Gabriele has actively traded major cryptocurrencies and identified early-stage projects to invest in. He contributes articles to leading fintech publications sharing his insights on blockchain technology, crypto markets, and trading strategies.

    With over a decade of experience in the crypto space, Gabriele provides reliable insights and analysis on the latest developments in digital assets and blockchain platforms. When he's not analyzing crypto markets, Gabriele enjoys travel, golf, and fine wine. He currently resides in Austin, Texas.

error: Alert: Content is protected !!